Dove trovare lavoro come nomade

Dove trovare lavoro come nomade

Dove trovare lavoro come nomade

Come trovare lavoro online 

Per diventare nomade digitale la domanda più frequente è quella che riguarda la possibilità di trovare clienti.

Quando si capisce qual è la professione da intraprendere o trasformare da offline a un lavoro da remoto, il primo quesito che viene in mente è: come faccio a trovare i miei primi clienti per potermi mantenere in modo stabile. 

Per trovare i primi clienti ci sono una serie di piattaforme alle quali iscriversi, oppure gruppi facebook sui quali trovare clienti, ma ad un certo punto si rende per forza di cose necessaria la creazione di un reddito più stabile e questo può avvenire in diversi modi.

Qualcuno parla di guadagno passivo o di entrate automatiche, ma la verità è che non è possibile creare un passive income dove non c’è bisogno di una tua partecipazione attiva al progetto.

In questo articolo troverai  informazioni utili su come fare a trovare i tuoi primi clienti, come mantenerli nel tempo e come guadagnare in modo stabile per permetterti di viaggiare a tempo pieno. 

Ti spiegherò inoltre come gestire la parte fiscale e burocratica per non impazzire mentre gestisci le fatture e le dichiarazioni dei redditi senza sapere dove devi pagare le tue tasse. 

In questo articolo scoprirai nel dettaglio chi sono i nomadi digitali, come fare a lavorare viaggiando, quale lavoro fa il nomade digitale, quali sono le competenze richieste per intraprendere questa strada, di quali strumenti di lavoro ha bisogno un nomade digitale e non meno importante, quanto si guadagna online.

1 dove trovare lavoro come nomade

Dove trovare lavoro online

Se cerco lavoro online, Il primo scoglio da superare per lavorare da remoto è quello di sapere dove trovare lavoro come nomade digitale.

All’inizio le opzioni sembrano poche con tariffe al ribasso e una scarsa possibilità di finanziare dei viaggi intorno al mondo in autonomia senza contare su una qualche entrata più consistente derivante dall’affitto di casa propria su airbnb.

 

La cosa più importante all’inizio è quella di creare un portfolio in modo da potersi presentare come professionisti di valore ai nuovi clienti. 

 

Quando si ottiene il primo cliente è fondamentale saper creare una relazione duratura nel tempo, dimostrare il proprio valore e la qualità del proprio lavoro e riuscire così ad aumentare nel tempo le proprie tariffe.

È importante tenere a mente che questo richiede impegno e tempo, non è una cosa che accade nel giro di una notte, ma bisogna saper lavorare in modo strategico per avere offerte migliori.

Ci sono diversi modi per trovare le offerte di lavoro online.

Uno di questi modi è iscriversi ai gruppi facebook sia in inglese che in italiano ed eventualmente spagnolo ed essere attivi nel presentare la propria candidatura.

Esistono poi siti web e piattaforme apposite dove cercare lavoro da remoto. Per esempio: Upwork, Fiverr, Guru, Freelancer sono solo alcuni dove è possibile trovare offerte di lavoro online.

Se cerco lavoro online e non mi riesce nel mio settore attraverso queste piattaforme o attraverso risposte ad annunci è possibile creare un portfolio da presentare a futuri clienti proponendosi inizialmente a qualche amico che ha un’azienda e fargli un lavoro gratuitamente semplicemente per fare esperienza e per avere un caso di studio da presentare ad altri clienti a pagamento. 

 

Per esempio se sei un costruttore di siti web potresti proporti per realizzare un progetto per qualcuno che conosci in modo da avere un esempio di ciò che sai fare per altri clienti.

 

Altro modo per trovare clienti è quello di autocandidarsi in modo spontaneo alle aziende con la quali ti farebbe piacere collaborare. Forse in questo momento non hanno una posizione aperta e non stanno cercando collaboratori, ma se ti presenti bene in futuro potresti esserti guadagnato un cliente molto valido con cui collaborare. 

La mia esperienza - Ascolta l'audio

Non è necessario fare il salto da oggi a domani, è possibile crearsi il proprio lavoro da remoto mentre si mantiene il posto di lavoro e una volta che le entrate dal lavoro che si svolge nel proprio tempo libero sono diventate più stabili si può pensare di lasciare l’impiego principale e crearsi un lavoro a distanza in proprio. 

Infine, invece di cercare un lavoro online tramite offerte su siti web o piattaforme, si può tentare la strada del lavoro a distanza chiedendo al tuo attuale datore di lavoro se è disposto a concederti il telelavoro almeno un paio di volte alla settimana per testare l’andamento della produttività e poi quando si renderà conto che il lavoro a distanza conviene a tutti chiedere che il periodo di prova venga trasformato in un lavoro da remoto definitivo. 

Esistono poi siti web e piattaforme apposite dove cercare lavoro da remoto. Per esempio: Upwork, Fiverr, Guru, Freelancer sono solo alcuni dove è possibile trovare offerte di lavoro online.

Vediamo ora nel dettaglio quali sono le migliori piattaforme e siti web dove trovare lavoro a distanza.

2 Dove trovare lavoro online wildflowermood

Le migliori piattaforme per trovare lavoro da remoto ​

La parte peggiore del lavoro a distanza è non sapere dove trovare lavoro come nomade digitale e iniziare a fare soldi. 

 

Se ti chiedi da un po’ di tempo dove trovare lavoro online e quali offerte selezionare, allora in questo paragrafo troverai pane per i tuoi denti. 

 

Qui troverai siti web e piattaforme dove lavorare sia come attività principale sia come attività extra. 

Il mercato più grande ovviamente è in lingua inglese, quindi se vuoi aumentare le tue chances di guadagno fatti trovare pronto, ma se l’italiano è l’unica lingua che parli e se il tuo lavoro non ha nulla a che vedere con la redazione dei testi come la traduzione, il copywriting, il webwriting o simili, allora ti basterà inizialmente saper interagire con i tuoi clienti di qualunque lingua madre purché tu sappia consegnare un lavoro di qualità. 

Se sei un programmatore, uno sviluppatore, un fotografo professionista o un videomaker, se ti occupi di grafica o qualsiasi altro lavoro che non necessiti l’uso impeccabile della lingua in cui devi lavorare, allora non avrai difficoltà a spendere le tue competenze anche in un Paese lontano dalla tua patria. 

La cosa importante quando si cerca un cliente da una piattaforma generalista è di creare una presentazione della propria professionalità e di essere preparati a proporre delle offerte che non giochino semplicemente al ribasso- specie se si ha una certa esperienza nel settore e non si abbia la necessità di creare un portfolio da presentare ai clienti.

 

Bisogna saper fornire valore già dal primo approccio, per differenziarsi dalla concorrenza che su queste piattaforme è molto alta.

 

Vediamo insieme una serie di siti web e piattaforme dove trovare lavoro a distanza.

 

Angel list

Angel list è un sito dove trovare lavoro come nomade digitale specialmente se siete sviluppatori, ma non avrete problemi a trovare posizioni per vendite, marketing, supporto clienti o creazione di contenuti. Angel List è una piattaforma perfetta dove lavorare da remoto perché ogni lavoro include la trasparenza dello stipendio.

 

Guru

Guru è una piattaforma che esiste dal 2001 e si rivolge più a liberi professionisti con base negli Stati Uniti. È creata più in modo da attirare una clientela in cerca di esperti di alto profilo che non freelancer a basso budget. 

 

Fiverr

Ogni lavoro su Fiverr viene pagato 5 dollari o multipli di 5, da cui il nome della piattaforma. È il sito perfetto dove trovare lavoro online se si sta appena iniziando per costruirsi un portfolio e acquisire confidenza con il lavoro. Fiverr si focalizza su microlavori. 

 

Toptal

Toptal sta per top talent, è una piattaforma popolare tra professionisti di alto profilo con guadagni che si aggirano dai 50 ai 250 dollari orari. 

 

Flexjobs

Flexjobs è una piattaforma di telelavoro eccezionale dove trovare lavori a tempo pieno e part-time, ma anche offerte per freelancer con più di 50 settori lavorativi. In più, c’è un intero settore di lavori online per persone senza esperienza dove crearsi una propria reputazione.

Flexjobs approva ogni singola offerta di lavoro per assicurarsi che l’azienda che cerca un lavoratore sia seria e proteggerti così da truffe e perdite di tempo. L’unico difetto, se così si può dire, è che non è gratuita: costa circa 14 euro al mese per poter leggere le offerte di lavoro e mandare la propria candidatura. 

 

Freelancer

Freelancer è simile a Upwork. Puoi creare il tuo profilo e iniziare a cercare annunci postati da aziende o professionisti. È piuttosto complesso trovare progetti high-ticket. 

 

Jobspresso 

Jobspresso è una selezione curata di lavoro a distanza. Ogni offerta passa attraverso lo scrutinio dello staff della piattaforma per assicurarsi che si tratta di un annuncio di alta qualità.

 

No sweat work 

No sweat work è una piattaforma in cui è possibile creare il proprio profilo per potersi candidare alle offerte di lavoro, tuttavia bisogna specificare che non tutti gli annunci riguardano lavori da remoto. 

 

Outsourcely 

Outsourcely è una piattaforma per impieghi da remoto a tempo pieno o a tempo parziale. Non è un sito dove trovare lavori a progetto, ma un luogo dove trovare lavoro come nomade digitale a lungo termine. Cerca lavori online nell’ambito grafica, design, sviluppo web, content creation, vendite, customer service e marketing.

 

Pangian

Pangian è una piattaforma che mette in contatto lavoratori da remoto con aziende in tutto il mondo. Si trovano offerte per posizioni di UX design, digital marketing, customer service, content creation e altri. 

 

Remote bliss

Remote Bliss ha posizioni di telelavoro a tempo pieno e a tempo parziale come dipendente o come freelance. Le categorie che comprende vanno dal customer service, al data science, risorse umane e marketing. 

 

Remote.co 

Remote.co oltre a essere una piattaforma di annunci dove è possibile trovare lavoro online è anche un luogo dove trovare più dettagli sulle aziende che pubblicano annunci, come classifiche e punteggi sull’affidabilità. Qui è possibile trovare lavoro nei settori come sviluppo web, design, vendite, marketing e scrittura. 

 

Remote ok

Remote ok è un sistema che filtra gli annunci di lavoro. Ti permette di filtrare le opportunità di lavoro in base al tuo livello di esperienza, al tipo di lavoro e creare un sistema di notifiche per quando vengono pubblicate le offerte di lavoro nel tuo settore. 

 

Remotive

Remotive è una newsletter bimestrale che ha lo scopo di mettere in contatto i nomadi digitali con le startup. Le liste si dividono per settore, marketing, vendite, supporto, rendendo più semplice trovare lavoro nel proprio ambito. È possibile ricevere inviti a webinar, leggere le interviste e spunti per nomadi digitali.

 

Solidgigs

Solidgigs è una piattaforma che aiuta i freelancer a promuovere la propria attività. Si tratta di un servizio di sottoscrizione in cui ogni mese si ricevono i migliori lavori da remoto per freelance. Il servizio ha due forme, una gratuita e una a pagamento. Nel servizio a pagamento le offerte vengono filtrate in base a parametri che stabilisce l’utente. L’iscrizione costa 19$ al mese, con possibilità di avere il primo mese di prova per 2$.

 

We work remotely

Questa era una delle prime piattaforme di lavoro da remoto. Oggi conta circa 130 000 utenti mensilmente ed è il posto dove trovare lavoro come nomade digitale per chi si approccia per la prima volta al lavoro da remoto. Non bisogna pagare una commissione mensile per potersi candidare al lavoro. 

 

Work ew 

Work ew è una piattaforma di telelavoro dove è possibile cercare lavoro online con la possibiità di caricare il proprio curriculum e ricevere una notifica su twitter appena la posizione in linea con la vostra esperienza viene aperta. Sono disponibili annunci per diverse categorie: project management, event specialist, marketing e altre posizioni.

 

Working nomads

Working nomads è una newsletter gratuita per nomadi digitali, iscrivendosi si riceve una lista di lavori da remoto ogni settimana. Anche se è possibile trovare lavoro in tutte le categorie, gli annunci più frequenti riguardano sviluppatori. 

 

Upwork

Upwork è la piattaforma dove freelance di quasi ogni settore hanno la possibilità di farsi conoscere da chi cerca un collaboratore o un piccolo lavoro a progetto. Le tariffe su Upwork tendono al ribasso, c’è una concorrenza spietata, ma è un ottimo modo per crearsi un portfolio e avere un po’ di esperienza. Il 20% di ciò che guadagni va nelle commissioni, ci voglio circa 2 settimane per ricevere il proprio compenso e hai bisogno di comprare crediti per rispondere alle proposte di lavoro.

3 wildflowemood dove trovare lavoro

Le migliori piattaforme per trovare lavoro nell’ambito della scrittura

Con il proliferare di siti web, e-commerce, piattaforme online, influencer, blogger, magazine online, persone che lavorano con il selfpublishing, affiliate marketing e chi più ne ha più ne metta, si è resa sempre più pressante la richiesta di content writer, traduttori, copywriter, ghostwriter.

Tuttavia la concorrenza nel settore è piuttosto elevata, per non ritrovarsi a lavorare a pochi centesimi a parola, bisogna offrire una professionalità più elevata, ma soprattutto saper presentare il proprio lavoro di qualità e imparare a vendere le proprie competenze in modo adeguato per non doversi proporre con tariffe al ribasso. 

Qui di seguito troverai una serie di piattaforme dove è possibile trovare lavoro scrivendo nella propria nicchia.

 

Bloggingpro

Bloggingpro è perfetto per chi sta iniziando a crearsi un telelavoro e non ha molta esperienza. La lista viene aggiornata quotidianamente ed è possibile filtrare la ricerca in base alla propria nicchia. 

 

Contena

Contena è una piattaforma per content writer, ma offre anche un’accademia dove è possibile imparare l’arte della scrittura persuasiva, dritte per costruirsi un portfolio e come trovare clienti. Da qui è possibile trovare clienti per scrivere newsletter, landing page, articoli per il blog e lavori di editing. L’unico neo è che la tariffa per partecipare è piuttosto alta, parte dai 99$ a salire. 

 

Contently

Contently non è una piattaforma di lavoro, ma un blog che ti permette di inviare la tua proposta allegando il tuo portfolio per finire a lavorare con chi fa parte della loro rete di brand se risulti essere un buon professionista.

 

Freelance writing

Freelance writing è una piattaforma di lavoro che raccoglie proposte di lavoro sul web. Qui è possibile trovare posizioni per copywriter, blogger, social media manager, controllori di bozze e scrittori tecnici. 

 

Problogger

Problogger è una piattaforma pensata per un content writer di esperienza, per cui è necessario caricare il proprio portfolio per poter rispondere agli annunci. 

 

Remote rich

Remote rich raccoglie migliori annunci di lavori di scrittura in giro per il mondo. 

Le migliori piattaforme per trovare lavoro nel settore design

Se lavori nell’ambito del design, se sei un illustratore, ti occupi di web design o sei specializzato nella creazione dei loghi aziendali, in questa lista troverai piattaforme e siti web dove caricare il tuo portfolio e crearti una rete di clienti.

 

99designs

99designs è una comunità online dove puoi mostrare i tuoi lavori, connetterti con i clienti e offrire la tua collaborazione. Puoi filtrare le opportunità in base alle categorie, come web design, logo design, illustrazioni e molto altro. Così come per Upwork c’è una commissione da pagare su ogni lavoro ottenuto e c’è un prezzo di 100$ da pagare quando arrivi a guadagnare i tuoi primi 500$. 

 

Cloudpeeps

Cloudpeeps è un’ottima soluzione per freelance affermati. Avrai bisogno di un portfolio ben strutturato per mandare la tua candidatura. Se ce la fai a passare la selezione avrai accesso a lavori da remoto in ambito social media marketing, digital marketing, copywriting, SEO e assistenza virtuale. È una piattaforma preziosa dalla quale attingono dei colossi come L’oreal e Airbnb. 

 

Coworks

Coworks è una piattaforma per mettere in contatto brand e agenzie con i creativi, come illustratori, grafici e web designer. 

 

Dribble

Dribble è un sito popolare tra web designer in particolare. Bisogna caricare il proprio portfolio e le aziende possono assumerti per un progetto oppure puoi cercarti un cliente in prima persona attraverso la funzione di ricerca. 

 

Hey Marketers

Hey Marketers è una piattaforma di lavori da remoto per professionisti dell’ambito marketing. Se non vuoi controllare la piattaforma ogni giorno, ti puoi iscrivere alla loro mailing list e ricevere le posizioni aperte sulla tua mail.

 

Media Bistro

Questo sito ha alcune delle maggiori compagnie come l’americana HBO in cerca di creativi. Fai una ricerca sulle posizioni aperte per trovare quella che fa al caso tuo.

Le migliori piattaforme per trovare lavoro nell’ambito hi-tech

Nella lista che segue trovi piattaforme e comunità online dove puoi trovare lavoro nell’ambito tecnologico. Quindi se sei un programmatore o uno sviluppatore web questa lista è apposta per te. 

 

Github

Github è principalmente utilizzato da sviluppatori per condividere esperienze, codici e scoperte con altri utenti, però è presente anche una piattaforma per lavori e ha un’intera sezione dedicata alle opportunità di lavoro da remoto.

 

Gun.io

Gun.io è una piattaforma creata apposta per sviluppatori web. È possibile iscriversi elencando le proprie competenze e la piattaforma stessa crea un collegamento con le compagnie in cerca dei vostri servizi.

 

Powertofly

Powertofly è un’ottima piattaforma online dove trovare lavoro per le donne che lavorano nel settore hi-tech. L’idea che sta alla base di questo servizio è quella di mettere in connessione le donne che lavorano da remoto in giro per il mondo.Prima di iscriversi bisogna passare una serie di verifiche e solo allora si viene collegati con un datore di lavoro.

 

Stack Overflow

Stack Overflow è una comunità di sviluppatori web con una lista di potenziali lavori da remoto.

Dove trovare lavoro online

Piattaforme per trovare lavoro da remoto in altri settori

Se non appartieni a nessuna delle categorie sopra elencate potresti trovarti spaesato quando si tratta di trovare la piattaforma giusta per te.

Qui di seguito troverai un elenco di siti dove è possibile trovare lavoro da remoto in settori particolari.

 

Après

Après è un sito per madri che vogliono riprendere in mano la carriera dopo aver partorito e reinventarsi attraverso il lavoro da remoto. Per iscriversi bisogno pagare una commissione di 99$, però la piattaforma contiene corsi online, coaching, webinar e workshop. 

 

Axiom law

Questa piattaforma mette in connessione avvocati con aziende che vogliono costruire i loro team legali completamente da remoto. La metà delle aziende clienti di Axiom fanno parte della Fortune 500. 

 

Business Talent Group

Si tratta di un’agenzia indipendente che offre la possibilità a esperti del settore che vogliono abbandonare la scrivania e darsi al nomadismo digitale per lavorare da remoto pur mantenendo la posizione senior acquisita nel tempo. 

 

Europeremotely

Europeremotely è una piattaforma che raccoglie annunci all’interno del fuso orario europeo. Il sito si rivolge a programmatori, designer, marketer, supporto. 

 

Hitmarker

Hitmarker è una piattaforma per gaming. Quindi se sei appassionato di Call of Duty o Fornite, puoi guadagnarti da vivere facendo ciò che ti piace 40 ore a settimana. Ci sono posizioni junior, intermedie e senior.

 

Idealist

Idealis è una piattaforma unica nel suo genere. Le posizioni aperte riguardano telelavori presso organizzazioni e associazioni non profit che hanno l’ambizioso obiettivo di cambiare il mondo. 

 

Translatorscafe

Questa piattaforma è per chi è un perfetto bilingue ed è in grado di scrivere, parlare e leggere più di una lingua. Qui troverai annunci per trascrivere, interpretare, creare sottotitoli e fare voiceover. 

 

Travelmassive

Travelmassive è un ottima piattaforma per chi vuole lavorare nell’industria turistica, hanno posizioni per community manager, editor, guide turistiche e molto altro.

 

Vediamo ora come trovare lavoro online proponendo i propri servizi ai potenziali clienti. 

Francesca Ruvolo Bali

Come guadagnare online auto candidandosi

Non bisogna aspettare che i potenziali clienti pubblichino i loro annunci online per trovare un lavoro a distanza.

È possibile trovare un committente anche a lungo termine se sappiamo presentarci in modo adeguato e indirizziamo una richiesta senza attendere che la posizione risulti aperta su una qualche piattaforma online. 

 

Per trovare i clienti e mantenerli nel tempo bisogna fare affidamento sulla capacità di costruire relazioni e di saperle coltivare in modo da allargare la propria cerchia di possibilità. 

 

Imparare a costruire le relazioni che durino nel tempo e siano utili per creare network di lavoro validi è una questione di esercizio e di pratica.

Può tornare utile la lettura di un grande classico in materia, Come trattare gli altri e farseli amici di Dale Carnegie, che in buona sostanza si può riassumere in questo modo: dare valore al prossimo, mettere l’altro al centro dell’attenzione, nutrire sincero interesse nei confronti del proprio interlocutore e ricordarsi di una qualche particolarità o di una sua passione che gli sta a cuore.

 

Le persone si conquistano non parlando di noi stessi, ma lasciandole parlare. 

Come si può utilizzare questo quando si presenta una auto candidatura?

Bisogna fare una ricerca piuttosto approfondita, scoprire quali sono i valori e la mission aziendale, chi sono le persone che lavorano all’interno, qual è un problema che questa azienda ha che tu potresti risolvere con le tue competenze. 

Una volta individuati dei punti chiave, si presenta una candidatura che non sia un racconto di se stessi o l’invio di un banale e inflazionato curriculum. Se si vogliono aumentare le proprie chance di essere assunti o di trovare una collaborazione con qualcuno bisogna fornire loro delle valide motivazioni.

Questo si fa regalando valore all’azienda o al professionista in modo deliberatamente gratuito. Potresti pensare che stai sprecando il tuo tempo a fare una cosa per la quale nessuno ti sta ancora pagando, ma se ti vuoi distinguere dalla massa di professionisti che inviano curriculum in cui decantano le proprie competenze allora devi mettere più impegno di quello che stanno mettendo in pratica gli altri intorno a te. 

 

Questo significa per esempio per un social media manager fare un’analisi gratuita dei canali social aziendali e presentarla al responsabile, elencando anche quali sono le soluzioni che potresti mettere in pratica. 

 

Questo modo di lavorare e di fornire valore concreto è possibile applicarlo in qualunque settore, devi solo trovare l’idea vincente per il tuo ambito. 

Ricordati che non stai lavorando gratis, magari si tratta di qualche ora o al massimo giornata di lavoro, ma stai investendo sul tuo futuro.

Man mano che fai così e acquisisci clienti, ti renderai conto che anche la tua reputazione crescerà e non faticherai a trovare lavori ben pagati. 

Devi solo ingegnarti a trovare una soluzione a un problema di un’azienda, per esempio come farli risparmiare dei soldi con processi più snelli, come farli guadagnare più clienti, come costruire una reputazione online che porti nuovi clienti, il valore che dai è concreto e lo sapranno apprezzare.

 

Se non dovessi venire ingaggiato subito, non temere, appena avranno un posto vacante si ricorderanno di te, perché non avrai semplicemente girato un curriculum anonimo uguale a centinaia di altri uguali. 

 

Ricordati inoltre di tenere curati i tuoi profili sui canali social, specialmente quello su Linkedin e crea regolarmente contenuti in linea con la tua professionalità, perché non tutti lo stanno facendo ed è un buono modo per emergere dalla massa.

Se cerco lavoro online e trovo poco o niente, e sono una persona intraprendente e creativa, la soluzione potrebbe essere quella di creare un’impresa digitale.

Vediamo insieme come si fa.

lavorare online wildflowermood

Come diventare un imprenditore digitale

Ok, tutta questa parte di ricerca committenti, fare lavori a progetto, finirli e rifare tutto il processo da capo non fa per te.

Tu vuoi essere il padrone della tua situazione finanziaria, creare prodotti e servizi, inventarti il tuo lavoro e renderlo scalabile, il tutto mentre ti prendi l’opportunità di girare il mondo. Insomma, non vuoi essere un freelance e nemmeno un imprenditore tradizionale, tu vuoi creare un’impresa digitale. 

Come si fa?

Potresti pensare che ci vuole un’idea geniale, qualcosa di nuovo da inventare, ma se così fosse nessuno farebbe impresa, perché nessuno -di fatto- inventa nulla di nuovo.

Quello di cui hai bisogno, se ti stai chiedendo come creare lavoro, è di trovare una soluzione a un problema di un consistente gruppo di persone.

 

Le persone hanno continuamente problemi da risolvere o desideri da appagare.

 

Non devi pensare troppo in grande, non devi trovare la cura per una malattia improbabile, per creare un’attività imprenditoriale basta risolvere anche un problema molto comune, come per esempio avere la possibilità di allenarsi da casa o insegnare alle persone a truccarsi, per esempio. 

Ora, la prima obiezione che ti verrebbe da farmi è che là fuori è pieno di insegnanti di yoga, di personal trainer e di makeup artist che stanno già facendo ciò che vorrei fare io. Tutte le idee su come creare lavoro per me stesso sono già esaurite. 

Ti rivelo un segreto.

Il mondo è pieno di persone con ottime idee, ma solo una piccola percentuale di quelle idee viene messa all’opera, per vari motivi. Quando si tratta di trovare il modo di come diventare un imprenditore è facile scoraggiarsi alla prima difficoltà, ecco perché molti rinunciano senza aver mai davvero iniziato a fare qualcosa.

L’altro fattore che devi tenere in considerazione è l’esecuzione.

Per sapere come creare lavoro non devi focalizzarti tanto sull’idea quanto sull’esecuzione, perché è quella che conta davvero. È l’esecuzione quella che rende un servizio diverso da tutti gli altri servizi apparentemente uguali.

È la capacità di presentare un prodotto o un servizio attraverso una strategia che fa da discrimine tra un progetto imprenditoriale che funziona e uno che è destinato a fallire. 

Ci saranno sempre più scuole di yoga, corsi di pilates, corsi di fotografia, ma quello che metti tu nel tuo progetto in prima persona fa la sostanziale differenza. Non si tratta di creare una nuova Apple o una nuova Coca Cola, non stai combattendo contro i grandi colossi.

Devi considerare un altro fattore. Se vent’anni fa creare un’azienda era prerogativa di pochi, perché richiedeva capitali ingenti e investimenti in macchinari costosi, in manodopera qualificata, oggi creare un’impresa digitale è reso molto più semplice e alla portata di budget anche piccoli. 

Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua

– Confucio

Se ti stai chiedendo come diventare imprenditore digitale, ti dico subito che la risposta risiede nello studio e nell’impegno costante a migliorarsi in materie trasversali. Puoi delegare moltissime attività, ma devi conoscere ogni aspetto del tuo progetto, ecco perché lo studio e la formazione sono fondamentali.

L’altro aspetto da tenere in considerazione quando si avvia un’iniziativa imprenditoriale è il cambio di mindset al quale si dovrà necessariamente andare incontro. Questo significa lavorare sulla propria emotività e capacità di sottostare allo stress che diventare un imprenditore comporta. 

Sia che tu decida di intraprendere una carriera da freelance o da imprenditore da remoto ti dovrai necessariamente occupare di una parte che molti preferirebbero non dover affrontare: la fiscalità. 

Ma tant’è, bisogna occuparsi anche di questo e allora dopo aver visto come diventare un imprenditore, vediamo come si gestisce la propria posizione fiscale quando si è nomadi digitali. 

trovare lavoro online wildflowermood

La residenza fiscale del nomade digitale

Ora che sai come creare lavoro in proprio, trovando i tuoi primi committenti o clienti e stai iniziando a incassare i tuoi primi compensi devi anche sapere come gestire la tua posizione fiscale senza avere mal di testa.

Potresti essere indotto a pensare che essendo un nomade digitale tu sia esente dal pagare le imposte in un Paese specifico giacché non hai una base stabile e sei indipendente da qualsiasi luogo fisico. 

Devo darti una brutta notizia. Non è così.

Anche se viaggiassi attraverso 12 Paesi diversi in 12 mesi dell’anno e non ti fermassi in nessun luogo in modo stabile non significa che tu non abbia residenza fiscale da nessuna parte. Infatti, non è possibile non essere residenti da nessuna parte, anche se viaggi di continuo. 

Ma partiamo dalle basi. 

 

La regola generale per la residenza fiscale è che il luogo dove spendi 183 giorni o più all’anno si considera il Paese dove sei personalmente residente dal punto di vista fiscale.

 

Tuttavia a questa regola se ne aggiungono  altre. Se sei residente in un Paese terzo, per esempio, ma tua moglie e i tuoi figli sono residenti nel tuo luogo d’origine dove tra l’altro possiedi una casa di proprietà e hai un conto corrente cointestato con la tua compagna, allora quello si presume essere il tuo luogo di residenza fiscale perché è in quel Paese che c’è il centro dei tuoi interessi (la tua famiglia). 

Vediamo in modo più approfondito la questione. 

La soluzione più pratica è essere residente fiscalmente da qualche parte nel mondo, fare la dichiarazione dei redditi e avere tutta la parte fiscale chiara e tracciabile.

A condizione, ovviamente, che tu trascorra in quel Paese la maggior parte dell’anno e che non abbia il tuo centro di interessi altrove, allora il Paese dove hai il centro dei tuoi interessi potrebbe adottare dei provvedimenti nei tuoi confronti e pretendere il pagamento della tassazione arretrata. 

Quando decidi come diventare un imprenditore hai la possibilità di aprire una società in un Paese con una tassazione più favorevole. Moltissimi nomadi digitali hanno aperto le loro società in posti come isole Canarie, Portogallo, Estonia, Bulgaria e Romania. La regola generale è che la società è un’entità separata  dalle persone fisiche che ne fanno parte ed è quindi tassata in modo autonomo.

Attenzione però, perché se sei sostanzialmente un libero professionista e guidi la tua attività interamente da solo, senza collaboratori, allora aprire una società potrebbe rivelarsi una elusione delle norme fiscali e potresti comunque essere soggetto a controlli successivi da parte dell’Agenzia delle entrate. 

 A questo punto potresti pensare che non ci sia una soluzione e che quando decidi come diventare un imprenditore devi mettere in conto la questione fiscale e rassegnarti alla circostanza. Non è così. Hai altre opzioni molto valide. 

 

Puoi effettivamente trasferirti in un Paese che pratica una tassazione piuttosto bassa, senza bisogno di aprire una società nel caso si tratti di un’attività che gestisci interamente da solo.

 

Devi considerare altri fattori quando fai questa scelta, perché come ogni situazione ha i suoi pro e i suoi contro.

Per esempio in Bulgaria puoi beneficiare di una tassazione più bassa, ma devi considerare lo stile e la qualità di vita in Bulgaria, il meteo, la situazione sanitaria, la possibilità di avere una vita sociale. Sono tutti fattori da tenere in considerazione quando prendi questa decisione.

Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua

– Confucio

Altro fattore da tenere in mente quando decidi come creare il tuo lavoro e metterti in proprio è di fissare i tuoi obiettivi economici.

Quali sono i risultati che vuoi raggiungere dal punto di vista del fatturato annuo, valuta questo fattore sia nel primo anno di attività, ma anche gli obiettivi a lungo termine.

Potresti stupirti del fatto che se il tuo reddito annuo rimane sotto una determinata soglia e mantieni la tua residenza fiscale in Italia con l’apertura di una partita iva nel regime forfettario tu non abbia nulla da invidiare ad altri colleghi nomadi digitali residenti fiscalmente chissà dove.

 

Spesso è solo una leggenda urbana che la tassazione in Italia sia elevata, perché per valutare effettivamente quando andrai a spendere in imposte e previdenza bisogna valutare i tuoi obiettivi e i tuoi risultati calcolatrice alla mano.

 

Mi rendo conto che non si tratta di una materia semplice, né di decisioni da prendere alla leggera, specie perché si rischia di commettere errori che possono costare caro, per questo è bene rivolgersi a un fiscalista esperto per farsi consigliare a dovere sulla propria personale situazione.

Inoltre, prima di farti venire il mal di testa sulla gestione dei tributi della tua attività, è bene focalizzarsi su come creare il lavoro e trovare i clienti in grado di rendere la tua attività sostenibile nel tempo e in un secondo momento quando hai chiara la tua strategia e la tua tipologia di attività risolvere anche l’annosa questione fiscale.

Se cerco lavoro online e non trovo nulla di redditizio o stabile nel tempo, forse è il caso di rimettersi a studiare per migliorare la propria professionalità e imparare a presentarsi ai potenziali clienti sotto una luce nuova. Vediamo cosa bisogna studiare. 

Wildflowermood dove trovare lavoro online

Lavoro da remoto: cosa studiare per trovare migliori clienti

Qualsiasi lavoro si faccia, che sia digitale o tradizionale, uno dei fattori che determina il successo è la capacità di presentarsi agli altri, o detto un po’ più banalmente: sapersi vendere. Tutti vendiamo in continuazione e in ogni occasione, non solo a livello lavorativo. Vendere non è un’attività negativa, che si tratti di un prodotto o di un servizio. 

Quando cerco lavoro online devo sapere che moltissime altre persone, potenzialmente infinite, stanno presentando la loro candidatura per la stessa posizione o collaborazione. C’è molta concorrenza. Tuttavia non bisogna arrendersi, ma tirarsi su le maniche e iniziare a studiare.

Che cosa in particolare?

Bisogna rendersi indispensabili e inconfondibili agli occhi dei potenziali clienti. In poche parole bisogna esprimere la propria unicità  in modo inequivocabile così che il cliente decida di voler lavorare con noi e con nessun altro. 

Per fare questo ci sono materie che ogni professionista dovrebbe studiare e conoscerne almeno le basi per essere in grado di promuovere se stesso e la propria attività senza andare incontro al fallimento. 

 

Il marketing è in cima alla lista quando si vuole vendere un prodotto o un servizio o presentare il proprio brand personale agli altri. In particolare ogni professionista dovrebbe curare il personal branding per essere riconoscibile dai propri potenziali clienti. 

 

Non basta avere un sito internet con il proprio nome per trovare clienti, ma è necessario ottimizzarlo per essere raggiunti da chi cerca il servizio che offriamo. Questo si fa attraverso la SEO che ci aiuta a essere tra i primi risultati dei motori di ricerca e aumentare così la possibilità di essere trovati dai clienti.

La gestione corretta dei social media è un altro prerequisito di un’attività che vuole avere successo al giorno d’oggi. Tutti sono presenti sulle reti sociali, in particolare i potenziali clienti e committenti. Quindi se cerco lavoro online e non lo trovo, forse sto solo sbagliando il modo di gestire il mio brand sui social media e ho la possibilità di rimediare. 

“La fiducia in se stessi è il primo segreto del successo”

– Ralph Waldo Emerson

Non significa che il nomade digitale debba conosce tutti questi ambiti in modo approfondito, ma che sappia padroneggiarli, sapere perché esistono e come può utilizzare questi strumenti a proprio vantaggio. 

 

Un libero professionista così come un imprenditore digitale sono chiamati alla costante crescita personale, al miglioramento delle proprie capacità di relazionarsi e di comunicare. 

 

Insomma quando si parla di formazione continua è a una somma di skill trasversali quella a cui si allude e non un’unica competenza. 

Qualunque sia il servizio che offri, qualunque sia la tua professionalità, che tu sia un copywriter, un content creator, un affiliate marketer o un insegnante di yoga con un corso online, quello di cui avrai bisogno per riuscire è un insieme di capacità e di competenze, nonché la costante ricerca di nuove sfide personali e professionali da superare.

Questo per uscire dall’anonimato della ricerca dei clienti sulle piattaforme e siti web e costruire qualcosa di durevole e più stabile nel tempo che dia risultati costanti e una reputazione professionale che ti garantisca tariffe più alte.

wildflowermood lavorare online in portogallo

Pensieri per concludere

Cercare lavoro online potrebbe sembrare una missione impossibile all’inizio. La giungla di piattaforme dove trovare lavoro come nomade digitale sembra impenetrabile per chi sta appena iniziando e deve costruirsi un portfolio per poter alimentare un flusso costante di clienti e di entrate.

All’inizio trovare un lavoro altamente remunerativo potrebbe sembrare una vera e propria sfida, ma il segreto è non demordere di fronte ai primi no e utilizzare questi come feedback per migliorare continuamente la presentazione di se stessi e dei propri servizi.

Il segreto per riuscire a crearsi un giro è fare affidamento sulla legge dei grandi numeri all’inizio e presentare la propria candidatura a ogni opportunità in linea con il nostro profilo.

È molto importante anche avere un profilo curato, curare la propria presentazione, non scrivere candidature fac simile da inviare in massa, ma personalizzarle una ad una per aumentare le proprie possibilità.

 

Se invece ci si vuole cimentare con un’attività imprenditoriale bisogna avere una strategia ancora più affilata e avere ben chiaro come raggiungere i propri clienti. 

 

In entrambi i casi ci vengono in aiuto i social media, con i loro gruppi settoriali, la possibilità di fare advertising e promuoversi, così come le piattaforme online dedicate all’incontro tra domanda e offerta di servizi digitali.

Continua a leggere le storie di nomadismo digitale
Leggi le altre guide